Kintsugi Masque Milano

KINTSUGI by Masque Milano, un “nouveau chypre” dall’aura dorata

“Colma d’oro le tue cicatrici, affinché rinsaldino l’arte del vivere”

La primavera è finalmente arrivata e Masque Milano, eccellenza profumiera fondata da Alessandro Brun e Riccardo Tedeschi, ne celebra il vigore con KINTSUGI, una nuova fragranza composta da Vanina Muracciole.  

Ciascuna fragranza di Masque Milano prende vita da un’accurata sceneggiatura e, al pari di un’opera teatrale, arricchisce la trama di una collezione suddivisa in atti e scene. L’intensità della narrazione si modula sull’audace accostamento di pregiate materie prime affidate all’interpretazione di diversi nasi, astri nascenti della profumeria internazionale. Libero di esprimersi, ciascuno di essi conferisce alla creazione la sua una peculiare impronta compositiva, diversificando il fragrante portfolio del marchio.

Kintsugi Masque MilanoKINTSUGI, atto II scena IV, si propone come metafora di resilienza e di trasformazione. La fragranza trae ispirazione da un’antica tecnica giapponese: il Kin (oro) Tsugi (ricongiungere), che consiste nella riparazione di una ceramica infranta con una speciale lacca urushi miscelata a polvere d’oro. L’artigiano ricompone l’oggetto e ne colma le linee di fenditura con il metallo più prezioso, esaltando le sue cicatrici e la sua imperfetta bellezza. L’arte del Kintsugi tramanda il concetto simbolico di abbracciare il danno ed esibire con orgoglio le ferite, traendo insegnamento da esse per riparare la vita.

Coadiuvato dallo storico di profumeria Ermano Picco, evaluator del marchio, il team creativo di Masque Milano opera una rivisitazione del classico accordo chypre, di cui ricrea l’intenso fascino sostituendo il muschio di quercia con un accordo di ambra salata.
Dall’incipit vagamente aspro ed amaro del bergamotto, il contrasto sapido ed ambrato amplifica la freschezza lussureggiante della magnolia, cristallizzandone la diafana croccantezza sulla grana sottile della più fine ceramica. Sfumata sulla ricca e voluttuosa dolcezza floreale della Rosa Centifolia e vivacizzata dalla limpidezza metallica delle foglie di violetta, la sinuosa carnosità dei petali affonda in un vellutato accordo di camoscio dorato che conferisce al cuore di Kintsugi una carezzevole sensualità ed un’irresistibile morbidezza. Come un vasaio intento a ricomporre i pezzi di un cimelio rotto, il complesso e variegato aroma dell’assoluta di foglie di lampone (erbaceo, fruttato, cuoiato, resinoso con sfumature di tè e fieno) consente alle singole parti di collimare in un’unica rinnovata interezza. Il collante utilizzato dalla parfumeur Vanina Muracciole, è la più pura ed elegante frazione del patchouli, un patchouli coeur che, privato dei tratti canforati e muffati, sposa la dolcezza balsamica, densa e liquorosa del benzoino stemperato nell’oro gourmand dell’assoluta di vaniglia. L’accordo di fondo fluisce morbido e copioso colmando le giunture della fragranza e restaurando il magnetismo atemporale di un “nouveau chypre” percorso da vivaci venature auree.

Le note:
Bergamotto, China Magnolia, Ambra sapida
Camoscio dorato, Ass. Rosa Centifolia, Ass. Foglie di violetta
Benzoino del Siam, Ass. Foglie di Lampone, Ass. Vaniglia, Patchouli Coeur

Kintsugi Masque Milano

Performance di restauro Kintsugi del ceramista Elio Cristiani per Masque Milano (ph.credit Anthoscents)

La presentazione alla stampa della fragranza, avvenuta il 17 aprile nell’elegante cornice della Hemeras Boutique House di Via Borgonuovo 12 a Milano, ha ospitato una speciale performance del ceramista Elio Cristiani che si è cimentato in uno splendido esempio del restauro Kintsugi.

KINTSUGI Eau de Parfum, nel formato da 35 ml spray, sarà disponibile presso selezionati punti vendita o dalla Online Boutique di Masque Milano da giugno 2019.

L’11a edizione di Esxence -The scent of Excellence, che si terrà a The Mall Milano dal 25 al 28 aprile 2019, ospiterà l’anteprima della fragranza.

 

 

Rispondi

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi segnati con * sono obbligatori

quattro + tredici =